Comprendere

Il timbro della "Lega per la coltura sociale" (1910). TLA

L'Italia a Innsbruck? Le associazioni italiane intorno al 1900 in una piccola città

La fonte del mese di marzo è il timbro della Lega per la coltura sociale di Innsbruck, fondata nel 1908 e sciolta nel 1916. L'articolo è dedicato alle condizioni sociali nella città di Innsbruck del primo Novecento, esaminate tramite la lente del conflitto di nazionalità. In particolare, si concentra sulla fondazione dei circoli italiani, che ebbe luogo durante un boom generale delle associazioni.

Le associazioni italiane sorte a Innsbruck intorno al 1900 non hanno finora ricevuto molta attenzione, né nella storia del Tirolo, né nella storiografia di Innsbruck. Tuttavia, la loro improvvisa comparsa nella capitale del’allora Kronland, rivela molto sulla rete di contatti dei membri del gruppo linguistico italiano, spesso impiegati a nord del Brennero come lavoratori immigrati - per esempio nella costruzione di ferrovie e tunnel o come lavoratori dei canali.

Queste associazioni furono autorizzate a formarsi solo dopo il 1867, dopo che un’apposita  legge fu introdotta durante una fase liberale della monarchia austriaca. Gli abitanti di Innsbruck di lingua italiana, che intorno al 1910 contavano tra le 1000 e le 2000 persone su una  "popolazione attuale", di 53.194, fecero quindi uso di questa possibilità. I tirolesi di lingua italiana e quelli del Regno d'Italia si organizzarono così a vari livelli. Da un lato ciò implicava la rappresentazione politica e sociale dei loro interessi verso l'esterno, e dall'altro, l'organizzazione delle attività comuni e del tempo libero.

Dal punto di vista politico, la k.k. Statthalterei für Tirol guardava in modo estremamente critico a queste associazioni. I circoli italiani erano considerati soprattutto nel contesto della questione irrisolta delle "terre irredente" tra Austria-Ungheria e Italia (Trentino, Litorale Austriaco con Trieste come capitale). Le autorità temevano costantemente l'attività politica antistatale e l'influenza dei nazionalisti italiani.

Fraternità studentesche, associazioni di lavoratori, una confraternita cattolica (che, a rigore, non era coperta dalla legge del 1867 sulle associazioni), associazioni di sostegno caritatevole per studenti e lavoratori italiani, una "biblioteca popolare", circoli di musica, lettura e poesia, e vari club sportivi si rivolgevano specificamente alla popolazione di lingua italiana della città.

Troviamo qui elencate le varie associazioni sorte intorno al 1900. Oltre alle confraternite studentesche e ai club di lavoratori, c'erano anche club ricreativi, come il club del mandolino o i circoli di lettura, che presero forma dai club già stabiliti.

l‘associazione

la fondazione

lo scioglimento (v = „volontariamente“)

campo d'attività

Circolo accademico italiano

1878

1905 (v)

associazione di studenti

Pia confraternita della dottrina cristiana e sacra per gli Italiani provincia in Innsbruck

1885

 

confraternita cattolica

Società di lavoratori e lavoratrici in Innsbruck e contorni

1894

1910 (v)

associazione dei lavoratori

Famiglia cooperativa dei lavoratori e lavoratrici italiani

1897

 

associazione dei consumatori lavoratori

Societa di beneficenza per gli studenti italiani alla università in Innsbruck

1898

1906 (v)

associazione di sostegno agli studenti italiani

Circolo mandolinistico italiano

1898

1907 (v)

società musicale

Biblioteca popolare italiana

1899

1916

club di lettura

Unione accademica cattolica italiana

1900

1926

associazione di studenti cattolica

Club ciclistico italiano

1901

1908 (v)

club di ciclismo

Unione ginnastica italiana

1902

1907 (v)

club di ginnastica

Touring club italiano

prima del 1903

 

„filiale“ club di ciclismo

Società italiana di beneficenza

1904

1916

associazione di sostegno

Circolo italiano „Minerva“ Innsbruck

1906

1916

società musicale/club di lettura

Lega per la coltura sociale

1908

1916 (v)

associazione culturale dei lavoratori

Circolo Alessandro Manzoni

1913

1916

club di lettura



A differenza dei molti club "tedeschi", queste associazioni rimasero aperte in linea di principio ai membri di altri gruppi linguistici. Al contrario, i cosiddetti "Arierparagraphen" furono
introdotti negli statuti delle associazioni di lingua tedesca, soprattutto dopo i "fatti di Innsbruck", cioè dopo i conflitti tra studenti nazionalisti tedeschi e italiani in occasione della fondazione di una facoltà di diritto italiano nel 1904.

Nel 1916, con l'impatto della prima guerra mondiale, molte delle associazioni furono nuovamente sciolte dall'ufficio del governatore. Erano sospettati di spiare per il "nemico", cioè per l'Italia, che era entrata in guerra al fianco dell'Intesa nel 1915. La guerra ha fatto scivolare nell’oblio questo piccolo pezzo di storia di Innsbruck, che dimostra che al volgere del secolo la città non era puramente "germanofona". Una fitta rete di contatti continuava ad estendersi verso sudsud, anche se, all'epoca, molti nazionalisti dalla mentalità ristretta si rifiutavono di riconoscerlo.

Il seguente articolo sarà pubblicato in una versione più dettagliata nel catalogo della mostra  "Al lavoro. Sull'immigrazione trentina nel XIX secolo" del Volkskunstmuseum di Innsbruck (13.5.2021 - 26.10.2021).

_________________________________________________
Alexander Piff
Progetto HISTOREGIO: "Nation-building nel contesto regionale. Deutschtirol - Welschtirol - Südtirol - Trentino (1848-1914)"
Leopold-Franzens-Universität Innsbruck

Altri articoli di questa categoria