La settimana attuale 100 anni fa!

Bozner Nachrichten, 20.4.1919

"Buona Pasqua!

La prima Pasqua dopo la guerra

La Grande Guerra aveva imperversato per oltre quattro anni. Durante il conflitto molti tirolesi erano al fronte e non potevano quindi festeggiare la Pasqua con i loro cari. Anche mesi dopo la fine della guerra molti erano ancora rinchiusi in campi di prigionia italiani. Il futuro incerto avviliva gli animi, come si puó dedurre da vari articoli nei giornali d'allora.

Il quotidiano Allgemeiner Tiroler Anzeiger il 19 aprile 1919 (sabato santo) scrive:
" 'Risurrezione!' Come é dolce e confortante il suono di questa parola dopo un lungo inverno. Come il sole di primavera riscalda i cuori desolati e porta speranza di giorni migliori.
Il fatto che provenga da una tomba, [...] gli dá il giusto valore. In questo modo ci assicura che non sono [...] meramente parole di circostanza, ma promessa di vittoria e fine dei dubbi che assillano i nostri animi: Come ci risolleveremo dopo gli stenti della guerra? Come ricostruiremo tutto ciò che gli avvenimenti hanno improvvisamente frantumato? [...]"

Le Innsbrucker Nachrichten lo stesso giorno scrivono:
"É difficile collegare gli antichi pensieri di primavera e risurrezione, di rinascita della natura [...] con la situazione politica dei nostri tempi. Un destino da venerdí santo ha colpito il nostro popolo. [...]"

Il quotidiano Bozner Nachrichten, da mesi sottoposto ad una severa censura, nonostante i tempi difficili, il 20 aprile 1919 (domenica di Pasqua) poté pubblicare una buona notizia:
"Ritorno dei prigionieri di guerra dall'Italia
L'ufficio della Croce Rossa a Bolzano ci ha comunicato che gli ex-militari austriaci residenti in uno dei comuni della zona d'occupazione [il Tirolo meridionale] verranno rilasciati e potranno tornare a casa. [...] Il ritorno dei detenuti verrà accelerato per quanto possibile. Ci vorrà comunque del tempo, soprattutto nel casi di prigionieri impiegati in reparti di lavoro [...]"



Immagine: Bozner Nachrichten, 20.4.1919



[20.04.2019 Thomas Sinha]

Altri articoli di questa categoria