La settimana attuale 100 anni fa!

Eheringe
Fedi nuziali

"Signorine, attenzione!"

Le bugie dei militari

I molteplici sconvolgimenti nelle terre occupate dalle truppe italiane dopo l’armistizio di Villa Giusti causarono varie incertezze, lasciando spazio a voci di corridoio. Ovviamente c’era chi si approfittava di questo.

Il quotidiano Il Nuovo Trentino del 3 settembre 1919 scrive:
"Signorine attenzione!
Da varie parti ci si scrive pregandoci di appurare la voce che viene sparsa anche da persone con apparenza di serietà secondo cui al comando della I Armata, rispettivamente all’Ufficio P., dovrebbe esistere una disposizione in forza della quale le signorine delle terre redente unendosi in matrimonio con un militare riceverebbero un premio di 2000 lire – più due mesi di licenza per il militare.
In seguito alle informazioni assunte possiamo assicurare che una simile… bazza, la cui inverosimiglianza non può del resto sfuggire che ai gonzi e alle… gonze, non esiste affatto; e la diceria non è che uno dei tanti mezzi con cui la buona fede di molte signorine viene deplorevolmente ingannata.
Mettiamo quindi in guardia le interessate, aggiungendo che l’autorità militare farebbe pure cosa opportuna se sorvegliasse più da vicino la piaga diffusissima dei falsi matrimoni e cercasse di infrenarne le gravi conseguenze.
La colpa principale però sta nella leggerezza della signorine; e qui il rimedio non è tanto facile."






Immagine: fedi nuziali





[03.09.2019 Thomas Sinha]

Altri articoli di questa categoria