La settimana attuale 100 anni fa!

D'Annunzio im Kreise seiner Offiziere
D'Annunzio con i suoi ufficiali

"Le 190mila lire rubate a Trento"

"Il ladro tenta uccidersi all’atto dell’arresto"

L’occupazione di Fiume (Rijeka) da parte di un gruppo di nazionalisti italiani armati, guidati dallo scrittore Gabriele D’Annunzio, ricevette l’appoggio da parte di molti nazionalisti – tra cui Benito Mussolini, che iniziò una raccolta di fondi a favore della cosiddetta “Impresa di Fiume”.
Anche nel Regio Esercito italiano vi erano forti simpatie per la causa fiumana. La sottrazione di cospicue somme di denaro alla cassa del Genio Militare di Trento a favore di D’Annunzio da parte di un giovane ufficiale fu causa di indagini.

La Stampa del 26 maggio 1920 scrive:
"Le 190mila lire rubate a Trento sono state consegnate a D’Annunzio
Il ladro tenta uccidersi all’atto dell’arresto
Le indagini dell’autorità militare accertarono che la somma asportata misteriosamente dalla cassaforte del genio militare a Trento è stata mandata a Fiume. Due scrivani e uno dei tenenti detentori delle chiavi della cassaforte, arrestati, dichiararono la loro innocenza. L’autorità allora fece ulteriori ricerche e accertò che l’altro dei due ufficiali asportò le centonovantamila lire dalla cassaforte del genio, consegnando poi la somma a D’Annunzio. Siccome questo ufficiale si trovava a Trento, ne ordinò l’arresto. Detto ufficiale, certo Guido Di Tanna, all’atto dell’arresto si sparò un colpo di rivoltella. Trasportato all’ospedale è stato giudicato guaribile di un mese."

Guido Di Tanna riuscì ad evadere e a tornare a Fiume.[1] Gabriele D’Annunzio apprezzò moltissimo le cospicue somme portategli dal giovane sottotenente, tanto da dedicargli una ode, rimasta inedita fino al 1994.[2]



[1] Umberto Carpi, Futuristi, metafisici e spiriti liberi nella Fiume di D’Annunzio: La Unione Yoga di Guido Keller, Studi Novecenteschi vol. 8, no. 22 (1981): pag. 145; Allgemeiner Tiroler Anzeiger, 24.6.1920.

[2] La Stampa, 26.3.1994; L’Unità, 26.3.1994.

 




Immagine: Gabriele D’Annunzio (con manifesto arrotolato in mano) a Fiume

 

 



[26.5.2020 Thomas Sinha]

Altri articoli di questa categoria