La settimana attuale 100 anni fa!

Fonte: archivio fotografico Unsplash

Il visto d'ingresso per il Sudtirolo e l'Italia.

Cent'anni fa, a inizio settembre del 1921, il quotidiano Innsbrucker Nachrichten riportava i fatti inerenti al visto d'ingresso in Sudtirolo.

Queste le parole del giornale:

"Il ministero italiano a Roma ha decretato che, per facilitare le visite in Sudtirolo, i visti d'ingresso saranno rilasciati immediatamente senza formalità per gli stranieri provenienti dagli Stati alleati, mentre le rigide norme rimarranno in vigore per gli stranieri provenienti dagli Stati già nemici. La “Rivista del turismo sudtirolese" commenta: "Crediamo che sia giunto il momento che l'Ente del Turismo del Sudtirolo tenga ovunque manifestazioni e allo stesso tempo si metta in contatto con gli enti turistici del Trentino e del Lago di Garda, in modo che il territorio subalpino possa unitariamente far presente a Roma che il mantenimento di questo corso romano porterà alla rovina economica di tutta la nostra regione. Quello che il Ministero del Turismo sta ottenendo con il suo nuovo decreto, che sia per deliberata o per involontaria ignoranza del nostro turismo, non è altro che la distruzione del potere fiscale della nostra terra dal Brennero al Lago di Garda. E a questo riguardo la nostra regione deve ottenere delle risposte”.

Astrid Panizza

panizza.astrid@gmail.com

Altri articoli di questa categoria